Casa di Comunità nZEB ad Azzate (VA)

Casa di Comunità nZEB ad Azzate (VA)
Casa di Comunità nZEB ad Azzate
Luogo: Azzate (VA)
Tipo: Sanità
Anno: 2023
Committente: ASST DEI SETTE LAGHI di Varese
Nome Progetto: Casa di Comunità nZEB ad Azzate (VA)
Progettista: GP PROJECT SRL
Team Design: GP PROJECT SRL
Importo Lavori: € 2.910.000,00
Stato Progetto: Progetto ESE
Descrizione:

Il progetto mette al centro dei suoi obiettivi il benessere, in ogni suo aspetto, degli utenti che vivranno gli spazi ambulatoriali e, in generale, di chi vivrà in esso, considerando gli aspetti fisici e psicologici in egual misura. L’umanizzazione degli spazi sarà garantita grazie alla massima attenzione al benessere indoor dal punto di vista termo igrometrico, di illuminazione ed acustico degli spazi progettati. Il progetto prevede la sostituzione edilizia, ovvero la demolizione radicale del fabbricato e la realizzazione di un nuovo edificio prestante sia dal punto di vista funzionale che energetico. L’impianto planimetrico del progetto è caratterizzato da una sostanziale riduzione della superficie coperta con l’intento di ridurre il consumo del suolo. Al piano rialzato si trovano principalmente attività ambulatoriali, accompagnate da attività di accoglienza e consulenza come CUP (Centro Unico di Prenotazione) e PUA (Punto Unico di Accesso). All'interno dell'edificio è presente un'area fruibile dall'utenza per servizi h24 7/7 separata dal resto dell’edificio. Elemento caratteristico è il pozzo di luce zenitale, costituito da un prisma ottagonale vetrato che, attraversando l’edificio sino in copertura, permette di trasferire la luce zenitale agli spazi limitrofi più centrali ed ai piani superiori. Tale elemento ha la funzione di offrire un contributo di calore gratuito durante i mesi freddi. Al piano primo sono situate le attività amministrative e ambulatoriali, entrambe con la presenza di ampi spazi per l’attesa. Non meno impattante è la copertura - roof top green - che presenta grande quantità di verde, alternata a spazi per poter colloquiare, assistere pazienti, svolgere pause e socializzare ma anche visitare pazienti fuori dal consueto contesto “ambulatorio confinato da 4 muri”. L’edificio presenta un impianto fotovoltaico, i cui pannelli saranno posti in parte sulla copertura dei locali tecnici e corpo scala e in parte su delle pensiline.

Galleria Foto